Blog

Fondi del settore assicurativo

Voglia di fare un bambino

31. July 2017 Senza commenti

Anche se l’assicurazione di base copre alcune cose, molte future o giovani mamme desiderano ottenere una protezione più specifica. Il nostro consiglio: un’assicurazione complementare adattata in base alle esigenze in modo da godersi la gioia del nuovo arrivo in tutta tranquillità.

L’assicurazione di base obbligatoria contiene solo ciò che è indispensabile per la gravidanza. Concretamente si tratta di sette visite di controllo medico o sette visite da parte dell’ostetrica e due ecografie. Poco prima della nascita è previsto anche il corso di preparazione al parto gratuito tenuto da un’ostetrica riconosciuta. In caso di gravidanza a rischio tutti i costi per i controlli e le ecografie necessarie sono coperti dalle casse malati. Anche dopo il parto ottenete tre consulenze per l’allattamento e un controllo successivo tra la sesta e la decima settimana.

Voglia di fare un bambino

L’esigenza di maggiore sicurezza e protezione durante la gravidanza e nelle settimane successive al parto da parte della madri è elevata. Non c’è da stupirsi perché questo evento che cambia la vita non è cosa di tutti i giorni! Per questo motivo diversi assicuratori offrono delle assicurazioni complementari e indennità giornaliere. Una panoramica:

Con Atupri e l’assicurazione complementare Mivita potete approfittare di molte partecipazioni ai costi. Le madri che non lavorano, per fare fronte alla conseguenze economiche in caso di infortunio o malattia, possono stipulare un’assicurazione complementare d’indennità giornaliera per l’economia domestica.

Anche Sanitas offre un’assicurazione d’indennità giornaliera per i lavoratori il cui datore di lavoro non offre una sufficiente copertura assicurativa. In questo gruppo rientrano i lavoratori a tempo parziale, i lavoratori autonomi e le donne e gli uomini che si occupano delle faccende domestiche.

CSS, Helsana e Sanagate offrono la possibilità di scegliere tra diverse assicurazioni complementari al fine di coprire le proprie esigenze durante la maternità.

Aggiungere un commento

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *